CHE PARATA!

CHE PARATA!

275VISUALIZZAZIONI

Il 3 ottobre 1965 si disputò la quinta giornata del Campionato 1965-1966. La Fiorentina - che conduceva la classifica generale unitamente al Milan ed al Napoli con sette punti, frutto di tre vittorie e di un pareggio nelle gare precedenti - ospitava il Torino dell’ex viola Alberto Orlando, che l’anno prima, con la maglia gigliata, aveva vinto - ex aequo con Sandro Mazzola - la classifica dei cannonieri. Chiappella schierò la formazione tipo della Viola, quel giorno in maglia bianca: Albertosi, Rogora, Castelletti, Pirovano, Gonfiantini, Brizi, Hamrin, Bertini, Nuti, De Sisti, Morrone.

La Fiorentina partì a spron battuto, e dopo tredici minuti di gioco andò in vantaggio con un gol del solito Hamrin, che ribadì in rete una corta respinta di Vieri su tiro di Bertini; poi, nella ripresa, il Torino pareggiò con un calcio di rigore assegnato dall’arbitro Varazzani per un fallo di Gonfiantini su un attaccante granata, rigore che venne trasformato in rete dallo specialista Poletti. La Fiorentina, allora, si riversò all’attacco, ed ebbe un paio di ottime occasioni per vincere la partita, che però non vennero sfruttate a dovere. Rischiò invece seriamente di perdere la gara, e venne salvata da un prodigioso intervento di Ricky Albertosi, che vale la pena di descrivere. Verso la mezzora della ripresa, sul risultato di 1-1, l’ex Orlando sparò una “bomba” dal limite dell’area, ed Albertosi, con uno splendido volo, deviò sulla traversa; tuttavia, a due metri dalla porta, era appostato l’attaccante granata Gigi Simoni (altro ex viola), che, di testa, colpì a botta sicura verso la rete. A questo punto accadde l’inimmaginabile. Albertosi, a terra in conseguenza del precedente “tuffo”, violando tutte le leggi dell’anatomia umana, volò in cielo con un balzo più che felino, afferrò la palla e, accorgendosi di ricadere (con la palla in mano) al di là della linea di porta, la gettò al di sopra della traversa. Un “mix” di agilità, potenza, riflessi, classe, intuito, intelligenza ......... Tutto in una frazione di secondo ....... Una parata incredibile, che soltanto un immenso fuoriclasse come Ricky Albertosi poteva compiere, e che salvò la Viola da una sconfitta che avrebbe avuto davvero il sapore di una beffa.

Roberto Romoli, Vice Presidente Associazione Glorie Viola