FIORENTINA DA APPLAUSI, AVREBBE MERITATO IL PARI. GRAZIE ROCCO, SIAMO CON TE!

FIORENTINA DA APPLAUSI, AVREBBE MERITATO IL PARI. GRAZIE ROCCO, SIAMO CON TE!

1891VISUALIZZAZIONI

"Sono disgustato, gli arbitri non possono decidere così le partite". Sono state queste le parole, a caldo, del presidente della Fiorentina Rocco Commisso, dopo la gara tra viola e bianconeri. Ed è inevitabile ripartire da qui, prima ancora che dalla bella prova dei ragazzi di Iachini. Quella andata in scena ieri all'ora di pranzo è stata l'ennesima, vergognosa sceneggiata di un calcio che oramai da tempo è in picchiata nella credibilità di tifosi e appassionati. Una buffonata. E' inammissibile che si faccia un uso così pilotato della tecnologia in campo. E' inammissibile che certi episodi vadano sempre a favorire certe squadre e a penalizzarne altre. E' inammissibile che in tre partite (Genoa e Juventus in campionato, Inter in Coppa Italia) la Fiorentina sia stata clamorosamente e chiaramente penalizzata dagli arbitri. Pasqua, il direttore di gara di ieri, ha fischiato un rigore sull'1-0 totalmente inesistente: Ceccherini anticipa il movimento di Bentancur, si frappone tra lui e la palla allargando il braccio, e il bianconero cade a terra come un sacco di patate. Non è mai rigore! Poi, probabilmente la Juventus avrebbe vinto ugualmente, ma quell'episodio ha chiuso la gara e fatto esplodere la rabbia di una intera tifoseria. Oltre che del presidente viola, che ai microfoni dei media ha utilizzato parole pesanti ma assolutamente condivisibili, rispondendo per le rime alle poco credibili dichiarazioni di Nedved. Finalmente, ci viene da dire, qualcuno che ha la forza, la voglia e il coraggio di alzare la voce per tutelare la squadra e la gente di Firenze. Bravo Rocco, grazie! Forse neanche lui riuscirà a cambiare uno status quo radicato, ma siamo sicuri che le sue dichiarazioni non finiranno nel dimenticatoio, che porterà avanti questa battaglia di uguaglianza e imparzialità. E noi saremo al suo fianco! Perché la letteratura di errori a favore delle big e in particolare della Juventus è ampia, e così non si può proprio andare avanti, minando dall'interno la bellezza di questo sport.

Venendo all'andamento della partita, la Fiorentina merita un grande applauso perché su un campo incredibilmente ostico - la Juve non perde a Torino dal 22 aprile 2018 contro il Napoli - e con assenze pesantissime quali quelle di Caceres, Milenkovic e Castrovilli è riuscita a tenere botta ai campioni d'Italia in carica, bloccandone la pericolosità e creando diverse occasioni da gol. E' stata una Fiorentina gagliarda! Soltanto qualche centimetro, la sfortuna e qualche bella parata del numero uno bianconero hanno negato alla Viola una rete che sarebbe stata meritatissima. Al netto di ciò che abbiamo visto, il pari sarebbe stato il risultato più giusto. Quindi, bravi ragazzi! Adesso è vietato abbattersi, alle porte c'è la sfida casalinga con l'Atalanta: un match nel quale non si parte battuti. Coraggio!

Menzione speciale per Igor. Il neo difensore viola ha sfoderato una bellissima prova, fatta di concentrazione e forza fisica, tenendo a bada calciatori del calibro di Douglas Costa, Higuain, C. Ronaldo e via discorrendo. Il ragazzo è forte e può crescere ancora, in bocca al lupo!

Articolo di Giacomo Cialdi