BENASSI: “RIPRESA? NON VOGLIO RISCHIARE”

BENASSI: “RIPRESA? NON VOGLIO RISCHIARE”

407VISUALIZZAZIONI

Marco Benassi, centrocampista Fiorentina, ha parlato delle settimane di quarantena ai microfoni di “Radio Sportiva”: "Mi è mancata la quotidianità che avevo prima, andare al campo, vedere i miei compagni, fare allenamento, prendersi in giro, fare le partite".

Rakitic ha detto che sarebbe disposto a correre il rischio pur di riprendere a giocare. Sei d'accordo con lui? 
"Sinceramente no. Penso che il calcio possa essere visto come una passione o un lavoro, ma ho sempre messo davanti a tutto la salute. Alla Fiorentina abbiamo avuto la sfortuna di avere qualche caso, anche abbastanza grave, ho saputo quello che hanno vissuto e quindi non vorrei mai mettere a rischio la mia famiglia".

Qualche rimpianto nella tua carriera?
 "Nessuno. All'inizio ci rimasi male quando dovetti andar via dal Torino, l'ambiente dove sono cresciuto di più e mi sono rilanciato. Poi una volta arrivato a Firenze, con l'ambiente e le persone che ho trovato ed il percorso che sto facendo, non posso definirlo un rimpianto".

Cosa manca alla Fiorentina per alzare l'asticella e puntare all'Europa?
 "La continuità nei risultati. Anche negli anni passati abbiamo fatto buoni risultati e poi steccato gare fondamentali che sembravano scontate".

Cosa ne pensi del futuro centrocampista viola Amrabat? 
"Si tratta di un grandissimo centrocampista, nelle partite che ho visto ha sempre fatto ottime prestazioni".

Cosa è cambiato con l'arrivo di Commisso nell'ambiente? â€¨"Da quando è arrivato il presidente l'ambiente ha ripreso quell'entusiasmo che era andato a scemare, soprattutto l'anno scorso quando ci siamo salvati all'ultima giornata. Commisso ha poi fatto seguire i fatti alle parole. Sta costruendo il centro sportivo, c'è il progetto del nuovo stadio, ha comprato tanti ottimi giocatori per il presente e per il futuro".

Cosa ha di speciale Ribery?
 "È speciale in tutto. Fin dal primo momento è stato il primo a dare l'esempio, il primo a scherzare ma anche ad essere serio in base ai momenti. Si vede dalla mentalità che è un gradino superiore".

Quale tra i tanti giovani viola secondo te ha avuto l'exploit maggiore?
 "Sicuramente Castrovilli. Fin dal ritiro si vedevano potenzialità incredibili, ma è stato clamoroso vedere la velocità con cui è riuscito a metterle sul campo in Serie A. Già ora dico che è uno dei più forti centrocampisti del campionato e ha tantissimi margini di miglioramento. Anche Vlahovic ha potenzialità incredibili e un grandissimo futuro, così come Sottil, che ha avuto poco spazio ma con l'esperienza diventerà un gran giocatore".

Infine, a 26 anni Marco Benassi pensa di avere ancora margini di miglioramento? E qual è il suo sogno nel cassetto?
"Ogni giocatore ha sempre modo di migliorare, ogni giorno vado in campo per farlo. Riguardo al sogno, non ho mai guardato oltre al presente, ma di sicuro mi piacerebbe tornare in Nazionale ed è una delle cose per cui lavoro".