MiniBanner

Lutto1-copia.jpg

La stagione della Fiorentina si è chiusa ieri sera con la sconfitta di Bergamo in Coppa Italia, e subito sono partiti i processi per un'annata – la terza consecutiva! – assolutamente fallimentare. Per parlare di tutti gli argomenti di casa viola, Alé Fiorentina ha contattato Marcello, da oltre quarant'anni grande tifoso gigliato.

 

Marcello, la stagione è fallimentare da tutti i punti di vista... Cosa ti aspetti adesso?

«Se la Fiorentina fosse gestita come una squadra di calcio seria, mi aspetterei che il proprietario, quello che tira fuori i soldi facesse piazza pulita: via Cognigni, via il Direttore generale, via il Direttore sportivo e diversi calciatori che non si sono rivelati all'altezza. Ma dato che i Della Valle, da alcuni anni a questa parte, non fanno calcio ma business non mi aspetto un bel niente. Corvino verrà riconfermato perché fa guadagnare Diego, si darà la colpa a Pioli che ha perso tanti punti e ai giocatori... si farà una mezza rivoluzione in estate e ripartiremo così: ci diranno che l'obiettivo è il settimo posto, che abbiamo una squadra di talenti e bla bla bla».

 

Quali sono i calciatori che a tuo parere non sono stati all'altezza?

«Si fa prima a dire quelli che lo sono stati. Degli acquisti estivi hanno praticamente fallito tutti. Gerson, Pjaca, Norgaard, Lafont... forse si salvano Edimilson e Mirallas, ma non è che abbiano fatto faville».

 

Nelle prossime settimane si discuterà anche il riscatto d Muriel. Tu cosa faresti con il colombiano?

«Muriel non è continuo, è vero, ma in mezzo a questa marmaglia di mezzi giocatori è oro colato. Certo, fosse stato un fenomeno non sarebbe arrivato a Firenze a ventinove anni, quindi è ovvio che abbia dei limiti, però in questa squadra non si può discutere. Se avessimo Mutu potremmo parlarne, ma nella Fiorentina di oggi no: Muriel dev'essere confermato!».

 

Il nome intorno al quale gravitano gli umori della piazza è Federico Chiesa: che sensazione hai?

«Per me andrà via, e farebbe parecchio bene. Ha dimostrato di essere un giocatore eccezionale e ha margini di miglioramento enormi. Se vuole crescere davvero, deve lasciare la Fiorentina dei Della Valle. Mi dispiace, mi piange il cuore, ma se dovesse andar via lo capirei».

 

Rifarai l'abbonamento la prossima stagione?

«Mah... non lo so davvero. Dato che mi trattano come un cliente, farò il cliente: prima mi facciano vedere il prodotto, la squadra che mettono su e poi decido se abbonarmi o no. È finito il tempo delle prese di giro».


L'Opinione del Tifoso

L'Intervista al Tifoso

Il Punto di Giacomo Cialdi

Le Esclusive di Alé Fiorentina

Le News dai Viola Club

Le Glorie Viola

Gli aneddoti del Notaio

  • Cinquina 17-09-2019 14:58:55

    Il 18 settembre 1966 la Fiorentina ospitò la Lazio in una gara valida per la prima giornata del...

    Leggi tutto...

Informazioni Utili