MiniBanner

Lutto1-copia.jpg

A tre giorni dalla sfida col Parma che può valere l'aritmetica salvezza, Firenze è attraversata da contestazioni e delusione. Per analizzare il momento della squadra gigliata e il prossimo futuro, Alé Fiorentina ha intervistato in esclusiva l'ex viola Giovanni Galli.

 

Galli, è un momentaccio per la Fiorentina...

«Nessun tifoso della Fiorentina può esser felice nel vedere la squadra ridotta così. A mio parere però a questi ragazzi non si può rimproverare l’attaccamento, in questi mesi non si è mai visto un giocatore togliere la gamba. Il problema è l’aver acquistato tante, troppe scommesse. Adesso c’è bisogno di giocatori veri, giocatori fatti, con un po' di esperienza. Penso che Montella avrà chiesto più certezze e meno scommesse...».

 

Cosa ne pensa della lettera di Diego Della Valle a città e tifoseria?

«Mi sarei aspettato almeno un po' di autocritica da parte della proprietà, del resto non è solo colpa della squadra se la Fiorentina sta come sta. La lettera di Diego non mi sembra per niente propositiva. I giocatori si sono persi, non hanno certezze e sbagliano passaggi anche a distanza di pochi metri... serviva qualcosa di diverso in questo momento. Quando inizia una frana è difficile riuscire a fermarla».

 

Che idea si è fatto sul futuro di Pantaleo Corvino?

«Ho la sensazione che la società abbia ancora fiducia nel direttore, alla fine potrebbe essere confermato».

 

Per quanto riguarda Federico Chiesa?

«La mia valutazione di Chiesa è 100 milioni. Stiamo parlando di un giocatore fatto, un ragazzo dal grandissimo talento, è normale che attiri le attenzioni dei top club europei. Non so se la Fiorentina vorrà o riuscirà a trattenerlo».

 

Intervista di Giacomo Cialdi


L'Opinione del Tifoso

L'Intervista al Tifoso

Il Punto di Giacomo Cialdi

Le Esclusive di Alé Fiorentina

Le News dai Viola Club

Le Glorie Viola

Gli aneddoti del Notaio

Informazioni Utili